Ripple sempre più apprezzata dal mondo finanziario

In genere, quando si parla di Bitcoin o di altre criptovalute si pensa ad una contrapposizione, in molti casi veramente dura, tra questo mondo e quello finanziario (classico).

Le banche e le istituzioni di certo non amano le criptovalute, anche se spesso hanno dimostrato interesse ed apertura nei confronti della blockchain (tecnologia che sta alla loro base).

Le comuni dinamiche tra mondo crypto e finanziario tradizionale, non valgono però per i Ripple, valuta che a differenza di Bitcoin, Ether e altre, gode di un forte riconoscimento presso banche ed enti finanziari.

Le recenti quotazioni XRP beneficiano degli effetti positivi generati dall’accordo stretto con UAE Exchange, importante società di cambio attiva a livello globale. L’accordo firmato tra Ripple e UAE sta avendo sull’andamento della quotazione dell’altcoin lo stesso effetto che ebbe a suo tempo l’intesa siglata col colosso MoneyGram.

Ripple non si muove al rialzo solo grazie alla mera speculazione, ma anche in virtù di motivi molto più concreti. L’accordo ha infatti forti potenzialità e l’annuncio di quest’intesa ha scosso il mercato e dato parecchio di che pensare ai trader, che sono manco a dirlo tornati di corsa a rafforzare le loro posizioni su XRP.

Il prezzo di Ripple è molto lontano da quello di Bitcoin o altre tra le più note ed apprezzate criptovalute, ma c’è chi scommette che da qui al 2020 sarà proprio questa una delle più interessanti valute matematiche sulle quali puntare.

Intanto c’è da segnalare che la lista di enti finanziari che hanno sottoscritto un accordo con Ripple è in costante crescita, oltre a UAE Exchange infatti, ci sono: LianLian, Santander UK, IDT Corporation, Mercury FX e naturalmente la già citata MoneyGram. Tutte queste realtà già accettano la tecnologia Ripple per i pagamenti.